Organizzare il viaggio

Comprensorio della Sakana

Valli

Multimedia

P.N Urbasa-Andía
P.N Urbasa-Andía
Bakaiku
Sakana
Visualizza tutte le foto

El tiempo

*Descárgate los horarios de los lugares de interés de la zona.

P.N Urbasa-Andía
È una valle situata nella zona nordoccidentale della regione, nota come la Navarra umida. Tra la sierra di Aralar e il parco naturale di Urbasa-Andía, la valle della Sakana ha un'estensione di circa 306 chilometri quadrati. Il comprensorio è solcato dal fiume Arakil e circondato da montagne spettacolari con faggeti e rovereti rigogliosi come quelli di Beriain-San Donato o la Trinidad. In questo territorio sono comprese tre zone storiche: La Burunda, Aranatz e la valle di Arakil. Le località più rilevanti sono Altsasu/Alsasua, Etxarri-Aranatz, Uharte-Arakil, Irurtzun, Bakaiku, Arbizu e Olazti/Olazagutía.

In queste cittadine - che vantano secoli di tradizioni, storia e arte - spiccano le case tradizionali della zona con i tipici conci in vista che mettono in risalto gli spigoli della facciata e i vani delle finestre e gli stemmi nobiliari. Tutte queste località invitano a fare una sosta per riposare, scoprire la gastronomia locale, acquistare prodotti artigianali nei mercati settimanali o fare trekking e alpinismo in un paesaggio da sogno.

Paesaggi indimenticabili, case graziose e ben curate, belle chiese romaniche come quella di Santiago Itxasperri ad Egiarreta con il caratteristico campanile a vela, ottima gastronomia, tradizioni trasformate in festa e una fitta rete di servizi: così si può riassumere l'essenza della Sakana. Si tratta di una sorta di corridoio che si snoda parallelo alla A-10 da Irurtzun a Vitoria ed è protetto a nord dalla sierra di Aralar e a sud dal parco naturale di Urbasa-Andía. In queste due aree naturali gli appassionati all'alpinismo e al trekking possono fare numerose escursioni interessanti.

La sierra di Aralar è un grande massiccio carsico con due accessi: uno da Lekunberri e l'altro da Uharte-Arakil. Da quest'ultimo si raggiunge il monastero romanico di Zamarce, un monumento storico e artistico del XII secolo e un esempio significativo del romanico rurale. Dalla sinistra del monastero parte una pista in cemento che seguendo un percorso lineare di 17 km. conduce al santuario di San Miguel di Aralar. Si tratta di un piccolo tempio in cui sono conservati tesori quali l'immagine barocca di San Michele e la pala d'altare romanica del XII secolo, considerata una delle principali opere realizzate con smalto in Europa.

Superata la valle di Arakil, si giunge ad Etxarri-Aranatz, in cui si trova l' itinerario dei dolmen. Sono due i percorsi circolari che attraversano boschi di querce e faggi e rogge rinfrescanti. Si differenziano per la lunghezza e il numero di dolmen che si possono visitare. Il più lungo, di 15 km, consente di contemplare 10 monumenti preistorici, mentre nell'altro, di 9,7 km, ce ne sono 2.

Nel parco naturale di Urbasa-Andía i prati si alternano a frondosi faggeti. Si tratta di un paesaggio carsico in cui vi sono numerosi crepacci e doline, sorgenti dalle acque turchesi e belvedere con viste panoramiche incomparabili. In queste zone risuonano ancora gli echi della vita dei cacciatori, pastori, boscaioli, carbonari che per secoli le popolarono. Vale la pena di cominciare la visita dal Centro di Interpretazione del Parco per conoscerne la flora e la fauna e i numerosi sentieri.

Una delle mete più frequenti delle escursioni in questo parco è il monte Beriain (1.493 metri), noto anche come San Donato per via della denominazione della chiesetta costruita sulla cima. Il profilo imponente della montagna si scorge da decine di chilometri di distanza. Questa mole, che ricorda una colossale nave di roccia incagliata, è la vetta più alta della sierra di Andía. Anche se si può raggiungere seguendo percorsi diversi, quello più abituale parte da Unanu. La via in cui sorge la chiesa di questo paese sbocca in una pista forestale che conduce fino al lato sud-est del monte Beriain. Questo itinerario è piuttosto impegnativo a causa dei notevoli dislivelli da superare. (Tempo approssimativo: 3,30 ore)

Gastronomia
Da non perdere i prodotti artigianali più tipici del posto. Il formaggio di pecora appartiene alla denominazione di origine Idiazabal, condivisa dalla Navarra e dalla Guipúzcoa. La txistorra è un insaccato a base di carne di maiale che si degusta fritto o arrostito: nella zona della Sakana si producono le migliori della regione. L'offerta gastronomica si completa con altre ghiottonerie quali la carne prelibata della zona o il sidro dal sapore spiccato.

Feste e tradizioni
Ad Altsasu/Alsasua in onore di Sant'Agata si organizza una festa i cui protagonisti sono i giovani, la musica e le danze tipiche come il zortziko; A Carnevale si scatenano i momotxorros, personaggi caratteristici che sembrano appartenere a un rituale preistorico. Ad ottobre si tiene la più importante fiera del bestiame. Un'altra festa rinomata della valle è l'Artzai eguna o Giorno del Pastore di Uharte-Arakil in cui si svolgono il campionato regionale di cani da pastore e il concorso di formaggi.

Vale la pena di ricordare che una delle caratteristiche più rilevanti della cultura del comprensorio è l'euskera, cioè la lingua basca. Una lingua che è stata trasmessa di generazione in generazione e che, in questa zona, è ufficiale come lo spagnolo.
[+ Vedi scheda completa]

Luogo

Orari, date e prezzi orientativi. Si consiglia di confermare con il responsabile.