Organizzare il viaggio

Chiesa-fortezza di Santa María di Ujué

Chiese e chiesette rurali

Multimedia

Iglesia Santa María de Ujué
Portada de la iglesia
Paso de Ronda
Vídeo Iglesia Fortaleza de Ujué
Visualizza tutte le foto

El tiempo

Iglesia Santa María de Ujué
Nella parte più alta del paesino medievale di Ujué si erge, elegante e imponente, la chiesa fortificata di Santa María di Ujué. Il nome fa riferimento alla leggenda della colomba (Uxua in euskera, cioè nella lingua basca. Si dice infatti che un pastore che badava al suo gregge vide una colomba entrare ed uscire continuamente dalla stessa fenditura di una roccia.

Quando si avvicinò incuriosito, vi trovò l'immagine della Madonna. Gli abitanti del posto costruirono perciò una chiesa per ospitarla degnamente.
In origine il tempio era romanico, ma si sono succedute diverse costruzioni di epoche diverse. Il tratto più caratteristico è l'aspetto di fortezza militare conferito dalla presenza delle torri merlate (dette Quattro venti e Picchi), dei cammini di ronda e dei robusti contrafforti.

Attualmente, si tratta di un importante santuario mariano, dichiarato Monumento nazionale, sottoposto a importanti lavori di restauro. È infatti uno dei gioielli della località per le belle gallerie, la grande navata gotica con abside romanica e le due facciate. Quella a nord è più semplice, decorata con scene molto descrittive, mentre la facciata principale, a sud, è un capolavoro del gotico che vale la pena di ammirare.

Oggi Ujué è un paesino medievale dalle strette vie lastricate sulle quali si affacciano alcune dimore gotiche e case dai grandi portoni medievali e dalle facciate ornate con gli stemmi delle famiglie nobili. Tuttavia, in passato Ujué fu il principale bastione del Regno di Pamplona nei confronti dei domini dei musulmani lungo le rive dell'Ebro. Questa chiesa, dall'aspetto imponente di fortezza, ricorda proprio le guerre e le alleanze di quell'epoca.

L'edificio attuale è il risultato di diverse fasi di costruzione. È stata infatti eretta con il contributo di vari sovrani. All'inizio fu costruita una chiesa romanica a tre navate (XI e XII secolo). Nel Trecento, Carlos II, molto devoto nei confronti della Madonna di Ujué, decise di ristrutturare il santuario. Fece quindi demolire le tre navate romaniche, lasciando in piedi solo l'abside e il primo tratto per costruire un'unica navata gotica.
Questo re fece anche erigere il magnifico cammino di ronda a volta con il relativo belvedere, la residenza reale e il grande ospedale. Volle anche dotare la località di un'Università o Studio Generale.

Carlos II amò tanto la Madonna di Ujué che ordinò che, dopo la sua morte, il suo corpo fosse imbalsamato e sepolto nella cattedrale di Pamplona, ma solo dopo aver estratto il cuore, destinato a riposare in un'urna accanto all'adorata Vergine. Si tratta di una scultura lignea di squisita fattura del XII secolo, in legno di ontano rivestito d'argento, ritenuta una delle immagini romaniche più antiche della Navarra. L'elemento che più colpisce di questa scultura di 1 metro di altezza è il viso dai tratti geometrici. I grandi occhi a mandorla e la piccola bocca dalle labbra sottili le conferiscono un'espressione dolce e ridente.

Un altro gioiello della chiesa di Santa María è la trecentesca facciata sud. Si tratta di una delle opere migliori del gotico della Navarra: presenta uno schema a sesto acuto e svasato di 10 archivolti che si innalzano formando un arco. Nei capitelli spicca la decorazione imperniata sulla vendemmia (alcune donne che raccolgono l'uva, un uccello pilucca un grappolo...). Nel timpano vi sono due scene: l'ultima cena e l'epifania. Si dice che il personaggio inginocchiato accanto alla Madonna sia Carlos II, che volle essere immortalato quale sovvenzionatore dei lavori. La scena è molto effettistica a causa delle dimensioni delle figure e della composizione incantevole.

Potete fare da vedetta e percorrere il cammino di ronda, da cui si scorge la località di Olite, con la quale Ujué ebbe stretti rapporti nel Trecento e nel Quattrocento.
[+ Vedi scheda completa]

Sapevi che...?

La Virgen de Ujué es muy venerada por los vecinos de Tafalla y pueblos de la zona y en su honor se celebra una de las romerías marianas de mayor antigüedad y emotividad de toda Navarra.

Luogo

Orario

Otoño:

  • Hasta el 28 de octubre: todos los días, de 10:00 a 18:30. *Horario aproximado.
  • Puente de El Pilar (Del 12 al 15 de octubre): horario sin cambios.
  • A partir del 29 de octubre: todos los días, de 10:00 a 17:30. *Horario aproximado.
  • Día 1 de noviembre: horario sin cambios.
  • Puente de diciembre (del 2 al 10 de diciembre): horario sin cambios.

Invierno:

  • Horario habitual: todos los días, de 10:00 a 17:30. *Horario aproximado.
  • Navidad (del 23 de diciembre al 7 de enero): horario sin cambios.

PREZZI

Osservazioni: la voluntad.

Visita guidata

Gestore:

Orari, date e prezzi orientativi. Si consiglia di confermare con il responsabile.

Informazioni pratiche