Organizzare il viaggio

Chiesa di San Martín ad Artáiz

Cammino di Santiago
Chiese e chiesette rurali

Multimedia

Iglesia de San Martín de Artáiz

El tiempo

Iglesia de San Martín de Artáiz
Questa piccola località immersa nella valle di Unciti conserva uno degli esempi più belli di romanico rurale presenti in Navarra. I lavori di costruzione di questa chiesa iniziarono nel XII secolo come dimostra la semplicità dell'unica navata. In epoca gotica, fu arricchita con un insieme di pitture murali, attualmente conservate presso il Museo della Navarra e considerate tra le più antiche opere di pittura murale della regione.

Il fascino di questo gioiello del patrimonio monumentale locale risiede nella ricchezza e accuratezza delle sculture. Si può individuare facilmente l'intervento di vari autori. Infatti la decorazione del timpano e dei capitelli della facciata è più complessa e mostra una composizione di motivi vegetali, animali ed esseri umani.

Per quanto riguarda i passafuori del cornicione, le figure con le teste dai grandi occhi sporgenti e dagli zigomi pronunciati presentano una bellezza innegabile e dimostrano tutta la forza con la quale sono state lavorate. Vi si scopre infatti un mondo vivace di personaggi scolpiti in modo più rozzo e con un chiaro intento moralizzante.

Il suono della cetra (una lira con cassa di risonanza) e della ribeca (antico strumento ad arco) sembra ancora echeggiare mentre la ballerina con le mani appoggiate sui fianchi si appresta a seguirne gli accordi con il corpo per danzare. Una scena piena di magia che tuttavia intendeva condannare la lussuria e i piaceri mondani in cui si rifugiava la società rurale nel Medioevo.

A quell'epoca un altro comportamento da condannare fu indubbiamente l'adulterio come si può osservare in un'altra immagine. Una partoriente nuda si contorce dal dolore mentre dà alla luce un neonato che brandisce un pugnale, il che rappresenta un elemento di enorme originalità. L'acconciatura della donna indica che è sposata, infatti le concubine di solito erano rappresentate con i capelli sciolti.

L'antitesi tra questi vizi e le virtù è simboleggiata dal cavaliere cristiano scolpito nell'ultimo passafuori e che rappresenta tutte le virtù che devono coltivare gli uomini e le donne onesti.

Tra le mensole vi sono le metope con incisioni che tra l'altro raffigurano il giudizio finale, la discesa agli inferi o la lotta tra fratelli. Le dimensioni dei personaggi mutano a seconda del protagonismo e della loro importanza nella scena.

Oltre a tutto ciò, spiccano in modo particolare i due leoni raffigurati nelle unghie, che rappresentano la dualità del bene e del male: mentre quello a sinistra divora gli uomini, quello a destra li protegge tra i suoi artigli.

Nell'insieme, questa chiesa è un'opera affascinante e sorprendente la cui visita è d'obbligo per gli amanti del romanico. Inoltre, il Centro di interpretazione del romanico, allestito presso la vecchia scuola rivela tutti i segreti di questo stile.
[+ Vedi scheda completa]

Luogo

PREZZI

Precio entrada: 1,00 €

Osservazioni: con audioguía.

Visita guidata

Descrizione: o existen horarios fijos de visita. Contactar con la Asociación Grupo Valle Izagaondoa en el 649 08 55 42.

Prezzo visita:

Entrada gratuita, audioguía 1 euro.

Orari, date e prezzi orientativi. Si consiglia di confermare con il responsabile.