Organizzare il viaggio

Basilica di Nuesta Señora del Puy

Chiese e chiesette rurali

Multimedia

Basílica de Nuestra Señora del Puy

El tiempo

Basílica de Nuestra Señora del Puy
La città monumentale di Estella-Lizarra, località di spicco del Cammino di Santiago, presenta tra gli edifici di maggiore interesse anche una costruzione moderna: la basilica di Nuestra Señora del Puy, copatrona della località.

È stata eretta sulla collina il cui secondo la leggenda apparve un'immagine della Madonna. In origine si trattava di un eremo, successivamente trasformato in chiesa barocca ed ora in questa basilica a forma di stella per ricreare l'intenso effetto luminoso verificatosi al momento de ritrovamento dell'immagine mariana.

All'interno sono conservate un'immagine gotica della Virgen del Puy risalente al XIV secolo e due immagini di Cristo crocifisso realizzate nel Seicento. Dalla basilica si può contemplare una magnifica vista panoramica della città in cui scorre il fiume Ega.

La basilica di Nuestra Señora del Puy, presidia Estella-Lizarra dall'alto di un colle. È un edificio moderno in stile neogotico, progettato dall'architetto navarrese Víctor Eúsa. I lavori di costruzione su un tempio preesistente sono stati avviati nel 1929 e conclusi nel 1951. Una lunga scalinata supera il dislivello esistente fino alla chiesa.

Si dice che nel luogo in cui sorge l'edificio attuale, nel 1085 circa, alcuni pastori attirati da un gruppo di stelle molto luminose si diressero alla cima del colle. Nascosta in una grotta rinvenirono l'immagine della Madonna. Il re Sancio Ramírez ordinò di costruire un eremo in suo onore, sul quale nel Seicento fu edificata una chiesa barocca della quale sono conservati alcuni elementi, quali il portico di ingresso e il patio che lo precede.

L'apparizione dell'immagine della Madonna è precedente alla fondazione della città che risale al 1090, anno in cui fu concesso il Fuero (complesso di privilegi riconosciuti ad una città). Questa apparente contraddizione si spiega con il fatto che già prima di tale data esisteva un insediamento spontaneo di mercanti franchi che probabilmente strumentalizzarono questo avvenimento per richiamare l'attenzione del re ed ottenere da lui il riconoscimento e la protezione del loro villaggio. Cercarono inoltre di attirare verso le loro botteghe i pellegrini che attraversavano il fiume Ega due chilometri più a sud e che si dirigevano ad Iratxe senza passare da Estella-Lizarra. Per questo organizzarono la messinscena del miracoloso ritrovamento dell'immagine della Madonna alla quale diedero il nome di una delle più venerate di Francia: Notre Dame du Puy. Il successo fu immediato e quindi i mercanti raggiunsero entrambi gli obiettivi.

Il santuario si trasformò in un importante centro di pellegrinaggio frequentato da chi sperava di ottenere un miracolo. Nel corso della demolizione della chiesa barocca nel 1929 furono rinvenuti numerosi ex-voto a ricordo di guarigioni miracolose, alcuni dei quali veramente singolari come la fotografia un giovane con il viso deformato dal morso di un asino.
Tuttavia, il miracolo più noto si verificò nel mese di settembre del 1638. Durante la difesa di Fuenterrabía, centinaia di abitanti di Estella-Lizarra furono inviati a combattere sul fronte più pericoloso. Temendo per la propria vita, si raccomandarono alla Madonna, che comparì dinanzi a loro e promise che tutti sarebbero tornati a casa sani e salvi. La promessa miracolosamente si adempì e la città, riconoscente nei confronti della Madona, la nominò patrona e da allora la devozione non ha fatto che aumentare.

Nella basilica attuale, sia la pianta che il tetto hanno forma di stella, un elemento richiamato anche nella decorazione e nell'arredo. Grazie a questa forma e ai numerosi finestroni, l'architetto è riuscito a ricreare all'interno un intenso effetto luminoso che allude al rinvenimento dell'immagine della Virgen del Puy.

La scultura lignea gotica della Virgen del Puy

La chiesa ospita un'immagine della Virgen del Puy, copatrona della località insieme a Sant'Andrea, raffigurata seduta. È in stile gotico, probabilmente risalente alla fine del Duecento o all'inizio del Trecento, realizzata in legno policromato e rivestita d'argento. Indossa una corona dorata e presenta una mezza luna ai piedi, entrambi del Seicento. Colpiscono i visi della Madonna e del Bambino, per la forma arrotondata e l'atteggiamento sereno e sorridente.

La Virgen del Puy fu conservata in un forziere fino al Settecento, quando fu inserita in una pala d'altare. Questo forziere, del quale è stato conservato solo il coperchio in legno, è dipinto su entrambi i lati: all'esterno presenta gli apostoli dipinti su sfondo in oro, mentre all'interno è raffigurata l'Annunciazione.

Nella basilica del Puy sono inoltre conservate due immagini interessanti di Cristo crocifisso, realizzate nel Seicento.

La basilica si riempie di fiori il 25 maggio per la festività del Puy e in occasione delle feste patronali, che hanno inizio il venerdì precedente la prima domenica di agosto, in onore di Sant'Andrea e della Virgen del Puy.
[+ Vedi scheda completa]

Luogo

Orario

Verano:

  • Horario habitual: todos los días de 8:00 a 20:00.
  • Puente de Santiago (del 22 al 25 de julio): horario sin cambios.**Misas: sábado, a las 7:25. Domingos y festivos, a las 13:00.
  • Fiestas patronales (del 4 al 10 de agosto): horario sin cambios.
  • Puente de agosto ( del 12 al 15 de agosto): horario sin cambios.

PREZZI

Osservazioni:entrada gratuita.

Visita guidata

Gestore:

Navark 948 553 954 - 948 550 070.

Nahiaz 948 107 632 - 609 372 816.

Orari, date e prezzi orientativi. Si consiglia di confermare con il responsabile.

Informazioni pratiche