Organizzare il viaggio

Giardini della Taconera

Parchi e giardini

El tiempo


I giardini della Taconera sono il parco più antico, bello ed emblematico di Pamplona. Con una superficie di 90.000 metri quadrati, sorgono intorno alle mura, molto vicini al centro storico, con uno spiccato stile romantico ispirato a Versailles.

La loro struttura, con specie arboree e floreali con elementi scultorei molto diversi, consente al visitatore di realizzare vari percorsi. Ciò che caratterizza maggiormente questo luogo paradisiaco, comunque, è il piccolo zoo che ospita all'interno dei fossati, in cui convivono cervi, anatre, fagiani, cigni, pavoni... in stato di semilibertà.

Passeggiare per la Taconera significa scoprire portali maestosi, il monumento all'illustre tenore di Roncal, Julián Gayarre, varie sculture tra cui spicca la tanto amata e popolare Mariblanca, o gli archi ogivali di Teobaldo II. Il Café Vienés è un luogo abituale di ritrovo per artisti e studenti della città.

Già nei piani urbanistici della città del 1719 appare la Taconera come spazio verde. Il parco è sempre aperto al pubblico e il suo accesso più signorile, il cosiddetto Portal de San Nicolás (1666), riproduzione barocca di un arco di trionfo, si trova in calle del Bosquecillo. Vi si può accedere anche attraverso il portale della Taconera, vicino ai giardini di Antoniutti.

La Taconera ha la capacità di affascinare il visitatore in pochi minuti. Basta affacciarsi al belvedere che si trova in calle Navas de Tolosa per contemplare un mini-zoo situato nei fossati circondati da una cinta muraria. Cervi, conigli, daini, anatre, fagiani, cigni, capre, pavoni e altri anatidi, in totale una trentina di esemplari, convivono in uno spazio che nel periodo natalizio viene decorato con statue di un presepio a grandezza reale. All'altra estremità del fossato, nel lato nord, un altro belvedere consente al visitatore di contemplare la fauna attraverso cinque splendidi archi ogivali.

Presenta una vegetazione molto varia con alberi secolari ed esotici. Intorno al parco si trovano parti delle mura che circondavano la città. Conserva anche degli elementi ornamentali che consentono di realizzare brevi soste durante la passeggiata: il Monumento a Gayarre, nel viale centrale, in onore al tenore di Roncal (1844-1890) di fama mondiale. Molto vicino, un altro parterre sottolinea la figura del musicista di Burlada, Hilarión Eslava (1807-1878).

Nascosta tra gli alberi, è d'obbligo salutare la cosiddetta Mariblanca, una scultura della fine del Settecento, che è una delle immagini più popolari e amate della città e raffigura un'allegoria dell'Abbondanza.

Sul lato nord, il parco possiede un belvedere con uno splendido panorama di alcuni quartieri di Pamplona, e dell'antico Portal de Santa Engracia, oggi chiamato Portal Nuevo, un altro punto di entrata o uscita del parco.

C'è anche un'area specificamente dedicata ai bambini. Nei pressi si trova una graziosa fontana di acqua potabile e non mancano i servizi di ristorazione. Il Café Vienés, un tempo casotto in cui si noleggiavano biciclette, è un grazioso ambiente geometrico all'ombra di un contorto esemplare di Sofora Giapponese, dove si può degustare un'ampia selezione di caffè, tè e torte saporite.

Il parco Larraina è il prolungamento naturale della Taconera, con splendide vedute sul fiume Arga. A fianco allo stesso si trova quello di Antoniutti, un parco molto alberato e fresco con una pista di pattinaggio, un parco giochi e una pista da skate.
[+ Vedi scheda completa]

Luogo

Orario

Todo el año: acceso libre.

PREZZI

Osservazioni: entrada gratuita.

Osservazioni

Il caffè Vienés apre tutti i giorni in alta stagione, dalle h. 9:00 alle 22:00 e i fine settimana e festivi di tutto l'anno.

Orari, date e prezzi orientativi. Si consiglia di confermare con il responsabile.

Informazioni pratiche

  • Località PAMPLONA
  • Zona La Conca di Pamplona
  • Indirizzo Jardines Calle del Bosquecillo
  • Link interessanti