Organizzare il viaggio

Ochagavía

Località

El tiempo

Ochagavía
Ochagavía è la fotografia perfetta, quella che viene sempre bene, qualunque sia il tempo o la luce. È la cartolina dei Pirenei della Navarra con le strade selciate, le grandi case curate dai tetti molto spioventi e il fiume con un vecchio ponte medievale.

La chiesa di pietra, da cui si erge un robusto ed elegante campanile, offre un'interessante prospettiva che spezza l'orizzontalità del profilo della foto.

Il paesaggio dalle alte vette e dai boschi rigogliosi completa un'immagine in cui non devono mancare le antichissime danze in onore della Virgen de Muskilda.

Il paese di Ochagavía si trova a 764 metri di altitudine all'estremità più settentrionale della valle pirenaica di Salazar, a nord-est della Navarra. Circondato da alte vette e da grandi boschi di faggi e di pini silvestri, è una delle località più pittoresche dei Pirenei della Navarra grazie all'architettura delle case e alla posizione proprio sulla confluenza dei fiumi Zatoia e Anduña che, a partire da questo punto, prendono il nome di Salazar.

Alcuni cenni storici

I primi riferimenti alla cittadina di Ochagavía risalgono all'XI secolo. Da sempre è il centro abitato più popolato della valle di Salazar, per questo è nota come la "capitale". Tuttavia, attualmente, questa caratteristica appartiene a Ezcároz.

Alla fine del Settecento, i francesi rasero al suolo queste terre in una delle loro incursioni verso il territorio peninsulare, ma la successiva ricostruzione, nell'Ottocento, portò definitivamente la tranquillità alla cittadina.

Architettura pirenaica

Il fascino di Ochagavía è dovuto soprattutto all'aspetto che offre il paese con il suo ponte medievale, le strette strade selciate e le case, particolarmente curate, allineate lungo le sponde del fiume Anduña.

Le case sono in pietra, con tetti spioventi a due o quattro falde e con architravi e balconi lavorati. Tra queste spiccano i palazzi medievali di Urrutia, Iriarte e Donamaría e alcune case nobili settecentesche ed ottocentesche.

Per quanto riguarda l'architettura religiosa, è da sottolineare la chiesa di San Juan Evangelista, un'opera che presenta reperti medievali, cinquecenteschi e seicenteschi. All'esterno, il tempio conserva il tetto ad assi tipico delle costruzioni locali fino agli inizi del XX secolo. All'interno conserva varie pale d'altare rinascimentali e barocche.

Un'altra costruzione interessante è il santuario de Nuestra Señora de Muskilda, eremo romanico del XII secolo, che si trova su una collina a quattro chilometri da Ochagavía.

Tradizioni

La Navarra pirenaica possiede un gioiello che generazioni di abitanti del luogo hanno saputo conservare: le antichissime danze di Ochagavía. Un'occasione eccellente per visitare la località è l'8 settembre. In questa data si svolge infatti il pellegrinaggio al santuario di Muskilda.

Un gruppo costituito da otto danzatori, che indossano i costumi tipici e sono accompagnati da un personaggio detto "el Bobo" (un arlecchino danzante con la casacca e i pantaloni di color verde e oro), ballano due paloteados e una jota prima di portare in processione la Madonna. Un grande spettacolo che attira molti visitatori.

Sport nei dintorni di Ochagavía

Per fare sport, Ochagavía è il luogo perfetto. Nel periodo invernale, le piste di sci da fondo di Abodi-Salazar permettono di addentrarsi nel cuore della zona di Irati. L'edificio di accesso si trova nella vecchia dogana di Pikatua, sulla strada di Larrau a 13,5 chilometri da Ochagavía. È possibile scegliere tra quattro percorsi, con una lunghezza totale di circa 30 km, a seconda delle condizioni della neve, e con vari livelli di difficoltà.

Il Pico de Ori (2.021 m.) è la montagna più emblematica della valle di Salazar. Si tratta di una montagna facile e particolarmente gradevole. La sua vetta, a cui si giunge in solo un'ora dal parcheggio che si trova sull'altura di Larrau, offre dei panorami eccezionali sulla foresta di Irati e sulle vette vicine.

Si possono seguire anche vari percorsi di sentierismo detti Camino viejo a Irati y Muskilda, Barranco de Otsate, Ochagavía-Udi-Jaurrieta-Ezcároz oppure Ochagavía-Isaba". Se invece si preferiscono i sentieri forestali del bosco di Irati, è possibile montare sulla propria mountain-bike e creare il proprio itinerario personalizzato.

L'Ufficio Turistico di Ochagavía fornisce informazioni particolareggiate sui percorsi che si possono realizzare. Nello stesso edificio è allestito anche il Centro di Interpretazione della Natura che offre informazioni sulla vita e sulla natura della valle di Salazar e soprattutto sul grande bosco che costituisce la foresta di Irati. Partendo dal centro della cittadina, una strada di 23 km, che attraversa la sierra di Abodi conduce ad un paradiso di faggi e di abeti.

Gastronomia

Da non dimenticare la squisita offerta gastronomica della cittadina e, per estensione, di tutta la valle. Da degustare le cosiddette migas, un piatto tipico dei pastori a base di pane raffermo saltato in padella con il lardo e la salsiccia. Si consiglia di assaggiare il vitello e l'agnello da latte, oppure la trota allo stile della Navarra, fritta con il prosciutto.

Un'altra possibilità sono gli squisiti funghi, come i perretxikos in primavera e i porcini in autunno, oppure la selvaggina: cervi, cinghiali o piccioni. Per concludere, una cagliata o il formaggio a denominazione di origine Roncal e un pacharán della Navarra, particolarmente digestivo.
[+ Vedi scheda completa]

Luogo

Come arrivare e spostarsi

salir de Pamplona por la AP-15 dirección Imarcoain hasta la salida 82 hacia Noain/Sangüesa/Huesca que enlaza con la A-21. Continuar por la autovía hasta enlazar con la NA-150 hasta llegar al cruce de Lumbier. Tomar entonces la NA-178 hasta llegar a Ezcároz y continuar por la NA-140 hasta Ochagavía.

Eventi di spicco

. Oripean (agosto).

. Irati Xtrem (secondo sabato di giugno).

. Quintos de Ochagavía (25 luglio).

 

Visita guidata

Descrizione: recorrido por el pueblo disfrutando de sus calles empedradas, casas, portaladas, escudo del Valle de Salazar... etc., descubriendo su historia y visita a la Iglesia San Juan Evangelista para ver el magnífico retablo renacentista. Duración aprox. 1 hora y 30 minutos.

Prezzo visita: 1€ adulto.

Gestore: Oficina de Turismo de Ochagavía (948 890 641).

Servizi

  • Area da pic-nic
  • Banca
  • Bancomat
  • Bar
  • Centro sanitario
  • Farmacia
  • Giardino per bambini
  • Impianti sportivi
  • Internet
  • Medico
  • Piscina
  • Ristorante
  • Sferisterio
  • Sistemazione turistica
  • Spazio sportivo all?aperto
  • Supermercato / negozio
  • Ufficio Turistico
  • Visite guidate
  • Zona bagno

Osservazioni

Orari, date e prezzi orientativi. Si consiglia di confermare con il responsabile.

Informazioni pratiche