Organizzare il viaggio

Aibar

Località

El tiempo

Calle Aibar
Nel comprensorio detto della Bassa Montagna, nella Navarra centro-orientale, a 7 chilometri da Sangüesa, su un colle della sierra di Izco sorge Aibar, il paese dei folletti come sono tradizionalmente soprannominati i suoi abitanti. Questo nomignolo popolare, la cui provenienza si perde nella notte dei tempi, sembra attribuire strane doti alla gente del posto. L'ubicazione strategica di frontiera di questo bel paese medievale con il Regno d'Aragona ne determinò la costruzione a forma di torre di vedetta e la funzione di bastione difensivo.

Fu teatro di scontri cruenti con i musulmani e di avvenimenti storici come la battaglia tra il Principe di Viana e suo padre Juan II per la successione al trono. Il principe Carlos, fatto prigioniero da suo padre nel 1451, ottenne l'appoggio di Aibar a cui conferì il titolo di molto leale e fedelissima. Tuttavia, questa località fu anche lo scenario di storie d'amore, come quella del re Sancho III e di Donna Sancha, dama di Aibar. Ne nacque un figlio, Ramiro, che diventò re d'Aragona.

La struttura urbana di Aibar conserva l'antico tracciato medievale dalle vie strette e lastricate sulle quali si affacciano case signorili, archi e edifici di epoche diverse. Tra i più antichi spiccano la porta della Hueca e la casa Iziz. Probabilmente entrambe fecero parte delle antiche mura. Il labirinto di stradine risale fino alla chiesa romanica di San Pedro, che si staglia sul colle e conserva all'interno il "Cristo dell?Amparo", una scultura gotica di due metri d'altezza.

Altri angolini da scoprire ad Aibar sono la casa di Donna Sancha, la piazza porticata della Virgen dalle belle arcate in cui è conservata la gogna alla quale erano incatenati i bestemmiatori, un antico lavatoio circondato da archi o il vecchio palazzo comunale, oggi adibito a sede dell'Aula delle energie rinnovabili.

Nei dintorni si possono percorrere sentieri che conducono due degli angolini più suggestivi di Aibar: l'antica ghiacciaia della Bizkaia, nel parco eolico della sierra di Izco, e il pozzo delle edere, un luogo idilliaco frequentato fino qualche decennio fa dagli abitanti di Aibar per fare il bagno d'estate.

Luogo

Come arrivare e spostarsi

salir de Pamplona por la AP-15 dirección Imarcoain hasta la salida 82 hacia Noain/Sangüesa/Huesca que enlaza con la A-21. Continuar por la autovía hasta tomar la salida "Aibar/Lumbier/Cáseda" y seguir hasta la Venta de Judas donde se coge el desvío a la derecha por la NA-534 que conduce a Aibar.

Visita guidata

Descrizione: visita por la Villa Medieval.

Prezzo visita: consultar.

Gestore: Gesartur (622 305 052) y Sangüesa Tour (620 110 581).

Orario - Todo el año: concertar con antelación.

Servizi

  • Area da pic-nic
  • Banca
  • Bancomat
  • Bar
  • Centro sanitario
  • Distributore di benzina
  • Farmacia
  • Giardino per bambini
  • Impianti sportivi
  • Medico
  • Piscina
  • Ristorante
  • Sferisterio
  • Sistemazione turistica
  • Visite guidate
  • Zona bagno

Orari, date e prezzi orientativi. Si consiglia di confermare con il responsabile.