Cosa vuoi?

CUCINA D'AUTORE

Tradizione e avanguardia insieme

La Navarra possiede una grande varietà e ricchezza di prodotti, molti di questi autoctoni, che hanno consentito lo sviluppo di un’accurata cucina tradizionale trasmessasi di generazione in generazione. Tuttavia, questo interesse volto a far brillare al massimo le sue straordinarie materie prime è alla base del rinnovamento di molte ricette tradizionali, che hanno posizionato tutta la regione nelle mire del buongustaio.

Prestigiosi chef si occupano di fondere il rispetto per l’identità culinaria navarra con la ricerca di nuovi metodi innovativi che siano in grado di offrire, nei propri locali, uno spettacolo per gli occhi e il palato grazie alle elaborazioni più creative.

Una gastronomia fresca, salutare e concepita nella tradizione, ma con alte dosi di avanguardia e innovazione, che ha fatto sì che tre cuochi navarri ottenessero l'agognata stella Michelin, consegnata dalla guida francese ai migliori ristoranti del mondo. Quelli insigniti sono Koldo Rodero, del ristorante Rodero di Pamplona, Pilar Idoate, del ristorante Europa, sempre nella capitale e David Yárnoz, del ristorante El Molino di Urdániz

LE TRE STELLE MICHELIN

Rodero, qualità e tradizione
Il ristorante Rodero, con oltre 40 anni di esperienza, è un’impresa familiare che ha ottenuto un grande riconoscimento per la sua cucina creativa basata su prodotti tradizionali di qualità. Il massimo esponente della sua cucina è Koldo Rodero, il quale ha nei geni l’essenza dei fornelli. Si può dire che è autodidatta e che le fondamenta sono opera del padre, un cuoco molto innovativo per l'epoca. Ha imparato rapidamente e presto si è trovato a gestire la cucina del ristorante, da lui rivoluzionata mediante la creazione di nuovi sapori ed estrose proposte d’avanguardia, quelle che ci presenta attualmente e che si concludono con la squisita attenzione in sala offerta al cliente dalle figlie Goretti e Verónica.



Europa, cucina di stagione
Ubicato nel cuore di Pamplona, vicino a calle Estafeta e plaza del Castillo, l’emblematico ristorante Europa offre una proposta culinaria contemporanea ispirata alle ricette tradizionali e ai prodotti di stagione.  Grazie alla sua chef, Pilar Idoate e insieme a Arkaitz Muguruza, fonda le sue proposte gastronomiche sui migliori prodotti di stagione. Così, d’inverno potremo degustare piatti a base di carciofi di Tudela, borragine, scarola o funghi, mentre in primavera assaggeremo i delicati asparagi e i deliziosi fagioli bianchi di Sangüesa.

Il Molino di Urdániz, design e prestigio
A 15 kilometri da Pamplona, in direzione Roncisvalle, si trova il Molino de Urdániz, una rustica casa ristrutturata che ha conservato tutta l’essenza di vecchio mulino. Malgrado sia aperto da poco tempo, il ristorante ha ottenuto un notevole prestigio grazie alle innovative scommesse gastronomiche del giovane David Yárnoz, conosciuto nei fornelli dei ristoratori più prestigiosi presso i quali si è formato. Ora vola da solo, con una cucina moderna, rivelatrice e assai personale in cui cura la qualità delle materie prime, la creatività e la presentazione. Offre uno dei migliori menù degustazione, incentrato sui prodotti del mercato attuale.



ASSOCIAZIONE RESTAURANTES DEL REYNO
Questo fascino per l’alta cucina è sostenuto dall’Associazione Restaurantes del Reyno, formata da 10 cuochi navarri di prestigio che curano i prodotti locali esaltandone la consistenza, rispettandone la stagionalità (senza abbandonare mai l’estetica e la presentazione) e ossequiando il commensale con un’esperienza culinaria unica.

Oltre alle 3 stelle Michelin summenzionate, fanno parte di questa associazione: l’Alhambra, l’Enekorri e La cocina di Alex Múgica (a Pamplona), il Túbal (Tafalla), il Beti Jai (Aoiz), il Treinta y Tres (Tudela) e il Castillo de Gorraiz (Gorraiz).